Anagrafiche generale, clienti e fornitori

Anagrafica clienti

Gestione ID banca di canalizzazione attiva e passiva per i destinatari merce clienti/fornitori.

Aggiunto nell'anagrafica clienti/fornitori un tab apposito per la gestione delle banche, suddiviso in banche di pagamento e banche di incasso. In ognuna delle due sottosezioni (pagamento/incasso) è stato riportato il progressivo della banca di pagamento/incasso con lookup/decodifica dei dati presi dal cliente/fornitore. Inoltre, nelle due sottosezioni, sono previsti i seguenti campi di decodifica: - IBAN - Conto corrente - Codice ABI banca - Codice CAB agenzia - Nome banca estera.

Memorizzare l'ID della banca di canalizzazione sui documenti.

Modificando una delle banche del cliente/fornitore, alla richiesta di aggiornare i dati sui documenti aperti e sulle scadenze aperte, oltre all'aggiornamento dell'ABI e del CAB, già previsto in passato, avviene anche l'aggiornamento dell'ID della banca. Inoltre per quanto riguarda le scadenze viene aggiornata oltre alla tabella effetti (EF01_SCADENZE) anche la nuova tabella delle scadenze legata solo ai documenti (DO79_DOCSCADENZE).

Aggiunta campi a lookup clienti / fornitori

Aggiunte alla lookup clienti / fornitori le seguenti colonne

  • Codice macroarea
  • Codice area
  • Codice zona
  • Codice macrocategoria
  • Codice categoria
  • Codice sottocategoria
  • Codice raggruppamento 1
  • Codice raggruppamento 2
  • Codice raggruppamento 3
  • Codice condizione di pagamento

Dati RID: gestione dell'intestatario del conto

Nella scheda "Dati RID", richiamabile dall'anagrafica cliente, nel riquadro delle "Coordinate conto di addebito" è stato aggiunto un campo denominato "Sogg. titolare IBAN". Il campo deve essere valorizzato solo nel caso in cui il soggetto intestatario dell'IBAN indicato, non corrisponde con il cliente.

Nel campo si procede al recupero del soggetto, direttamente dall'anagrafica generale.

La presenza di tale informazione determina, nel file xml di presentazione all'incasso della RID, l'indicazione sia del soggetto titolare del codice IBAN, trasmesso come soggetto primo debitore "<Dbtr>", sia del cliente intestatario dell'effetto che verrà trasmesso nella sezione "<UltmtDbtr>".

Estremi lettere di intento: Controllo validità tipo dichiarazione di intento

A partire dal 1° Marzo 2017, le lettere di intento del tipo "Operazioni comprese nel periodo da", non potranno essere più emesse; per tale motivo nella maschera abbiamo introdotto le seguenti modifiche:

  • le date inizio e fine validità non sono più obbligatorie e verranno valorizzate con l'intero anno della dichiarazione;
  • quando si sceglie al campo tipo dichiarazione l'opzione "Le operazioni effettuate nell'anno... per il" nel caso in cui la data di emissione è uguale o superiore al 1° Marzo 2017, il programma avvisa l'operatore che tale tipologia non è più utilizzabile e non permette di procedere con il salvataggio. Alle lettere di intento di tale tipologia, già presenti sulla base dati, verrà automaticamente posto, in sede di aggiornamento, la data di revoca pari al 28/02/2017.

Implementazioni CUP Master e MGO

L’ implementazione è stata realizzata in materia di CUP Master.

Si definisce CUP Master il codice CUP assegnato al primo progetto di una “catena” di interventi relativi allo stesso oggetto progettuale, ciascuno dei quali è collegato esclusivamente al Master secondo delle specifiche indicazioni; un CUP diventa dunque Master quando indicato come tale all’atto della registrazione dei dati di un successivo intervento che insiste sullo stesso oggetto progettuale.

Nell’anagrafica Clienti, la scheda “Anagrafica CIG/CUP” è stata rinominata in ”Anagrafica Appalti”.

Un appalto potrà essere identificato da un CIG, da un CUP o da una coppia CIG / CUP.

Come campo aggiuntivo sull’anagrafica di cui sopra è stato aggiunto il codice CUP Master, un campo testuale di valorizzazione libera che è trattato come un attributo ulteriore dell’appalto.

Il codice CUP Master, se presente, verrà utilizzato al posto del codice CUP nella generazione della stringa inserita nel file XML del bonifico SEPA, nel tag "Ustrd" (es.:<Ustrd>//MIP/CUP del progetto/causale MGO/IBAN del debitore).

Fornita la possibilità di specificare l'instradamento di Agyo e gli eventuali uffici

Quando si attiva il connettore Agyo, dal programma di configurazione è possibile specificare per ogni cliente o in modo massivo per tutti i clienti l'instradamento previsto (p.e. Agyo -> FEPA oppure AGYO -> FEPR oppure AGYO -> B2B); nel caso lo specifico instradamento preveda anche la gestione degli uffici, è possibile caricarli e designarne uno come preferenziale.

L'attivazione del cliente, intesa come scelta dell'instradamento e dell'ufficio, è stata resa disponibile anche nel programma dell'anagrafica cliente. In questo modo dopo avere creato un nuovo cliente, si è subito in grado di attivarlo per Agyo. Per attivare un cliente si deve selezionare la voce "Informazioni presenti --> Instradamento Agyo" della sidebar del programma.

Il dettaglio degli uffici è abilitato o meno in funzione dell'instradamento selezionato.

La stessa funzionalità può gestire l'attivazione del cliente anche quando è attivato il modulo della fatturazione elettronica (FEPA); in questo caso l'instradamento permette soltanto di specificare FPA/FPR come nel programma di configurazione della FEPA.

Nel caso in cui siano attivi entrambi i moduli (Agyo/FEPA), come nel caso in cui si stia migrando da FEPA ad Agyo, per i clienti ancora attivati per la FEPA, la funzione instradamento Agyo consentirà di specificare solo l'instradamento FPA/FPR, mentre per i clienti già attivati per Agyo, consentirà di specificare gli instradamenti tipici di Agyo. Anche i clienti non ancora attivati potranno scegliere gli instradamenti tipici di Agyo.

Sempre nel caso in cui si stia migrando da FEPA ad Agyo, ma si è proceduto alla disattivazione della configurazione FEPA senza aver prima migrato i clienti ad Agyo, nella funzione instradamento Agyo, il cliente risulterà "NON ATTIVO" e se specificati gli instradamenti Agyo -> FEPA o Agyo -> FEPR per un cliente attivato per la FEPA, si otterrà la migrazione anche degli uffici registrati nella configurazione FEPA. Si ricorda che nella configurazione di Agyo è stata prevista un'apposita funzione per migrare tutti i clienti attivati con FPA/FPR ad Agyo con il corrispondente instradamento (Agyo -> FEPA / Agyo -> FEPR).

Gestione nuovi campi nella sezione "Banche Clienti"

Nella form di caricamento delle banche clienti, nella sezione dei dati relativi alla banche estere sono stati aggiunti i seguenti campi:

- ID Succursale, campo numerico di 10 crt

- ID Contratto/Rapporto, campo alfanumerico di 20 crt.

Modifica del formato campo nella scheda "Estremi lettere di intento"

Nella scheda "Estremi lettere di intento" richiamabile dalle "Gestione collegate" il campo "Numero lettera dichiarante" è stato modificato dal formato numerico al formato alfanumerico; in questo modo è possibile memorizzare lettere di intento ricevute da clienti il cui gestionale permette di gestire una numerazione delle lettere emesse con valori alfanumerici.

La numerazione che noi utilizziamo per l'emissione delle lettere nei confronti dei fornitori rimane solo numerica.

Scheda dati rid

Nella scheda Dati Rid dell’anagrafica clienti i campi “Cod.rif.mandato” e “Data sottoscr.” sono stati resi obbligatori

Anagrafica fornitori

Gestione ID banca di canalizzazione attiva e passiva per i destinatari merce clienti/fornitori.

Aggiunto nell'anagrafica clienti/fornitori un tab apposito per la gestione delle banche, suddiviso in banche di pagamento e banche di incasso. In ognuna delle due sottosezioni (pagamento/incasso) è stato riportato il progressivo della banca di pagamento/incasso con lookup/decodifica dei dati presi dal cliente/fornitore. Inoltre, nelle due sottosezioni, sono previsti i seguenti campi di decodifica: - IBAN - Conto corrente - Codice ABI banca - Codice CAB agenzia - Nome banca estera.

Estremi lettere di intento: Controllo validità tipo dichiarazione di intento.

A partire dal 1° Marzo 2017, le lettere di intento del tipo "Operazioni comprese nel periodo da" non potranno essere più emesse; per tale motivo nella maschera abbiamo introdotto le seguenti modifiche:

  • le date inizio e fine validità non sono più obbligatorie e verranno valorizzate con l'intero anno della dichiarazione;
  • quando di sceglie al campo tipo dichiarazione l'opzione "Le operazioni effettuate nell'anno... per il" nel caso in cui la data di emissione è uguale o superiore al 1° Marzo 2017, il programma avvisa l'operatore che tale tipologia non è più utilizzabile e non permette di procedere con il salvataggio. Alle lettere di intento di tale tipologia, già presenti sulla base dati, verrà automaticamente posto, in sede di aggiornamento, la data di revoca pari al 28/02/2017.

Gestioni nuovi campi nella sezione "Banche Fornitori"

Nella form di caricamento delle banche fornitori, nella sezione dei dati relativi alla banche estere sono stati aggiunti i seguenti campi:

- ID Succursale, campo numerico di 10 crt

- ID Contratto/Rapporto, campo alfanumerico di 20 crt

Anagrafica generale

Provincia

Per i campi "provincia" presenti nel programma è stata introdotta la lookup di ricerca con i relativi dati disponibili per le nazioni Italia e Spagna.

Lettura dati QR Code Agenzia delle Entrate

E' stata rilasciata l'integrazione con l'applicazione mobile "TeamSystem Digital Invoice QR" finalizzata alla lettura ed al caricamento delle informazioni anagrafiche contenute nel QR Code dell'Agenzia delle Entrate.

In occasione del rilascio della fatturazione elettronica l'Agenzia delle Entrate ha predisposto un servizio per stampare in un codice QR Code le informazioni anagrafiche dei soggetti passivi IVA (denominazione, indirizzo, ufficio preferenziale).

Con questo rilascio è stato aggiunto alla maschera dell'anagrafica generale il pulsante "QRCode AdE" che consente di accedere a due funzionalità:

  1. Configurazione: è possibile imputare fino a 5 diversi codici dispositivo mobile su cui è installata e funzionante l'applicazione "TeamSystem Digital Invoice QR" finalizzata alla lettura dei codici QR.
  2. Acquisizione: vengono recuperate le informazioni dell'ultima lettura del codice QR effettuata con uno qualsiasi dei dispositivi censiti con la funzionalità del punto precedente. Una volta recuperate le informazioni viene salvata in automatico l'anagrafica generale che risulterà di default attivata per la fatturazione elettronica (nel caso in cui venga abbinata ad un cliente) con instradamento FEPR.

Il pulsante "QRCode AdE" è abilitato soltanto in inserimento.

Nel caso in cui si invochi la funzione di acquisizione senza aver fatto nuove letture a partire dall'ultima lettura acquisita viene mostrato il seguente messaggio di avviso: “Nessun QR Code recuperato”

Nel caso invece in cui venga invocata la funzione di acquisizione senza aver considerato nessun codice dispositivo viene mostrato il seguente messaggio di avviso: “Configurare codice dispositivo acquisizione”

Quando viene invocata la funzione di acquisizione e vengono scaricati i dati dell'ultima lettura, anche se poi non vengono utilizzati non saranno più ripresentati alla successiva invocazione della funzione di acquisizione (occorre rifare la lettura del QR Code dal dispositivo di lettura).

Attivazione anagrafica per fatturazione elettronica con importazione dati da QRCode Agenzia delle Entrate

E' stata estesa l'attivazione all'invio della fattura elettronica anche alle anagrafiche importate da QRCode Agenzia delle Entrate non recanti un codice ufficio preferenziale.

Chiamata iniziale per verifica connessione

All’apertura della form delle anagrafiche Cerved nell’anagrafica generale, è stata eliminata la chiamata al sito google.it per verificare la presenza della connessione ad Internet prima di procedere alla chiamata dei servizi.

 

Analisi clienti/fornitori

Scheda cliente

Gestione allegati Hypermedia

E' stata implementata la possibilità di gestire gli allegati di Hypermedia anche sulla scheda cliente/fornitore così come già avviene nell'anagrafica cliente/fornitore.

Gestione incassi in anticipo per calcolo gg dilazione/ritardo nel tab scadenze della scheda cliente

Ora nel tab scadenze nel calcolo dei “gg dilaz. Effettivi” e “gg di ritardo” vengono conteggiate le scadenze incassate in anticipo anche interrogando prima della data scadenza effetto.

Possibilità di modificare il codice rischio interrogato sul tab rischio della scheda cliente

Nel tab rischio della scheda cliente è stata introdotta la possibilità di modificare il codice rischio utilizzato per il calcolo dei dati visualizzati. In questo modo, utilizzando ad esempio dei codici rischio con diversi orizzonti temporali, è possibile eseguire analisi di molteplici profili di rischio per il cliente.

Aggiunta campo descrizione classe sconto, descrizione gruppo e descrizione sottogruppo

Sono stati inseriti tra i campi disponibili da aggiungere alla griglia del tab listini della scheda cliente anche la descrizione gruppo, la descrizione sottogruppo e la descrizione classe sconto

Aggiunti campi Data inizio e fine validità per i listini parametrici

All'interno della scheda Listini sono ora disponibili, anche per i listini parametrici, le informazioni "Data inizio validità" e "Data fine validità".

Aggiunto campo "da quantità" nella scheda listini

All'interno della scheda Listini, nel caso di tipo listino cliente\articolo\scaglioni q.tà, è ora visibile, in griglia, la colonna "da quantità" oltre a quella "fino a".

Aggiunto campo Codice articolo cliente nella scheda Documenti

All'interno della scheda Documenti nella maschera ‘Dettaglio documento’ accessibile interrogando per testata, è stato reso disponibile il campo Codice Articolo Cliente.

Aggiunto campo Data aggiornamento nella scheda listini

All'interno della scheda Listini è stato reso disponibile il campo 'Data aggiornamento'.

Aggiunto campo giacenza nella scheda prezzi

E' stato reso disponibile all'interno della scheda prezzi il dato della giacenza dell’articolo.

Icona per gestione documento

Ora nella scheda documenti, anche interrogando nella modalità corpo completo e corpo residuo, è stata resa disponibile l’icona per entrare direttamente in gestione del documento.

Logica Divisore nella scheda Prezzi Art.

Nella scheda Prezzi Art., il prezzo ed il totale visualizzati tengono ora conto di un eventuale Divisore inserito nell’anagrafica articoli estesa.

Visibilità barra scorrimento con listini parametrici

Il tab listini della scheda cliente, nel caso di listini parametrici, è formato da 2 bande, una fissa con tutti gli elementi e le relative descrizioni del listino, ed una altra scorrevole con le caratteristiche.

Nel caso particolare in cui si fosse interrogato un listino parametrico la cui condizione fosse formata da m lti elementi, poteva capitare che tali elementi insieme alle loro descrizioni che formano appunto la barra fissa, occupassero tutto lo spazio visibile sul tab e questo faceva sì che la barra di scorrimento non fosse proprio visualizzata. Per gestire casi particolari di questo tipo è stato introdotto un flag che permetta di omettere le descrizioni e visualizzare i soli codici degli elementi.

Visualizzazione stato documento e data consegna interna nel folder documenti

Sono stati resi disponibili come elemento da aggiungere alla griglia del folder documenti della scheda cliente, sia come testata che come riga, lo stato documento e la data consegna interna

Inserimento listino articolo/campagna promozionale nel folder Listini
All'interno del folder Listini della scheda cliente sono ora visibili gli articoli appartenenti alle eventuali campagne promozionali attive per il cliente interrogato.

Codice Ufficio

Nel tab “Altre info” è stata inserita l'informazione dell'eventuale codice ufficio presente nell'anagrafica

Inserito link articolo dal tab listini

Nel tab listini della scheda cliente, vi è ora la possibilità di accedere direttamente all’anagrafica dell’articolo inserito nel listino tramite un link diretto.

Logica dilazione effettiva nel tab scadenze in presenza di previsionali

Nel tab delle scadenze nel calcolo dei giorni di dilazione e di ritardo, le scadenze con importo previsionale a 0 vengono considerate chiuse.

 

Stampa clienti non movimentati

Nuovi filtri classificazione agenti.

Resi disponibili, nei limiti di elaborazione, i nuovi elementi di selezione derivati dalla console classificazione agenti cui si rimanda per maggiori informazioni:

- Macroarea agente

- Area agente

- Zona agente

- Macrocategoria agente

- Categoria agente

- Sottocategoria agente

- Raggruppamento 1 agente

- Raggruppamento 2 agente

- Raggruppamento 3 agente

 

Stampa nuovi clienti/fornitori

Nuovi filtri classificazione agenti.

Nella scheda dei "Limiti di elaborazione" sono stati resi disponibili i nuovi filtri della classificazione agenti:

- Macroarea agente

- Area agente

- Zona agente

- Macrocategoria agente

- Categoria agente

- Sottocategoria agente

- Raggruppamento 1 agente

- Raggruppamento 2 agente

- Raggruppamento 3 agente

Configurazione

Configurazione scheda clienti/fornitori

Possibilità di scegliere anche documenti attivi da non proporre

Nella configurazione della scheda clienti, ed in particolare nella configurazione dei totali per documenti, è ora possibile selezionare, oltre ai documenti attivi, anche i documenti che presentano nella loro parametrizzazione l'indicatore "attivo da non proporre".

 

Stampe

Stampa rubrica clienti/fornitori

Nuovi filtri classificazione agenti.

Sono stati implementati, nei limiti di elaborazione, i nuovi campi della classificazione agenti che si affiancano a quelli già esistenti per l'agente preferenziale. Maggiori dettagli sui nuovi filtri sono consultabili nello specifico programma "Console classificazione agenti". I filtri disponibili sono:

- Macroarea agente

- Area agente

- Zona agente

- Macrocategoria agente

- Categoria agente

- Sottocategoria agente

- Raggruppamento 1 agente

- Raggruppamento 2 agente

- Raggruppamento 3 agente